lunedì 5 giugno 2017

One Love Manchester, raccolti oltre 9 milioni di dollari per le vittime del terrorismo

Ecco il concerto integrale (VIDEO)

 
One Love Manchester è stato organizzato in poco più di una settimana ma l’evento, tenuto allo Stadio Old Trafford Cricket Ground, è stato visto da milioni di telespettatori in tutto il mondo (grazie allo streaming ed alle dirette TV di 38 paesi, compresa quella doppia della Rai su Rai1 e Rai4).
Il concerto, tenuto per raccogliere fondi da destinare alle vittime del brutale attentato del Dangeros Woman Tour, è stato così apprezzato che in poco più di 3 ore ha raccolto oltre 9 milioni di dollari.
Un vero record.

Continua qui

giovedì 18 maggio 2017

Addio a Chris Cornell. Medico legale: si è impiccato

Aveva 52 anni. Il decesso a Detroit. Il suo agente: "Improvviso e inatteso"

Chris Cornell si è suicidato impiccandosi a Detroit. Lo ha stabilito il medico legale.
La voce di Soundgarden e Audioslave aveva 52 anni. Era in tour a Detroit.

Continua qui

Soundgarden - Black Hole Sun

giovedì 27 aprile 2017

Bob Marley Jammin

Audio
Jammin


Punky Reggae Party

A lalala long

Satisfy My Soul

No woman no cry dal vivo 1979 

Buffalo soldier 

One love

Zimbabwe Best of Bob Marley 

 

Sono stato in Giamaica nel 1990, ho dovuto spiegare io la strada al tassista per arrivare a Nine Mile...https://it.wikipedia.org/wiki/Nine_Mile. C'era, come custode, uno dei componenti della sua band: The Wailers https://it.wikipedia.org/wiki/The_Wailers
 

...e la marijuana sul comodino e tutto intorno alla casa...

 

Il sottoscritto 10 chili fa...

 

"Everyman gotta right to decide his own destinyand in this judgement there is no partiality"

Bob Marley

 

 

domenica 19 marzo 2017

Morto Chuck Berry, il padre del rock and roll. Da Mick Jagger a Bruce Springsteen, il mondo della musica piange

Aveva 90 anni e con la sua chitarra firmò l'era di un nuovo genere musicale

Addio a al leggendario Chuck Berry, padre fondatore del Rock 'N' Roll, autore di brani decretati dal tempo intramontabili come il grande classico 'Johnny B. Goode'. E' morto all'età di 90 anni. Il decesso è stato confermato dalla polizia di St. Charles County, in Missouri. E tutto il mondo della musica piange la scomparsa del grande artista: da Mick Jagger a Bruce Springsten.

Johnny Be Goode (da YouTube)


giovedì 9 marzo 2017

Pink Floyd, mezzo secolo contro i muri

(ANSA) - LONDRA, 9 MAR - La loro lotta contro il conformismo e tutti i tipi di muri iniziava 50 anni fa, il 10 marzo 1967, con l'uscita di 'Arnold Layne', il primo singolo. I Pink Floyd irrompevano tramite la radio nelle case della benpensante Gran Bretagna con la storia (per di più vera) di un travestito che si aggirava per le vie di Cambridge rubando indumenti femminili. Era solo l'inizio per la band diventata leggenda del rock. Londra e il resto del mondo non potevano che celebrare con una serie di eventi, a partire da una grande mostra, questa epopea in musica fatta di ribellione e simboleggiata dall'album 'The Wall'. "The Wall è più che mai attuale - ha detto Roger Waters in un'intervista al Guardian - e proprio Trump rappresenta tutto quello che noi dobbiamo evitare". A maggio aprirà al V&A di Londra la 'Pink Floyd Exhibition': 350 cimeli, fra cui strumenti musicali, testi di canzoni, foto, opere d'arte, il tutto immerso nei suoni e nelle atmosfere dei tanti album che hanno reso celebre il gruppo inglese.

Fonte 

Pink Floyd: le grafiche originali di "The Wall" sono state messe in vendita

 

Pink Floyd - Another Brick In The Wall (HQ)

 

Pink Floyd - Dark Side Of The Moon

 

 

 

mercoledì 1 marzo 2017

Fabrizio De Andrè.. primavera non bussa.. lei entra sicura

Primavera non bussa lei entra sicura
come il fumo lei penetra in ogni fessura
ha le labbra di carne i capelli di grano
che paura, che voglia che ti prenda per mano.
Che paura, che voglia che ti porti lontano...

Video

lunedì 13 febbraio 2017

Al Jarreau morto a 76 anni: i messaggi di cordoglio da Cassandra Wilson a Lenny Kravitz

E' stato l’unico artista nella storia dei Grammy a ottenere premi in tre categorie differenti: pop, jazz e rhythm & blues. Momento di svolta fu il 1977, quando intraprese la sua prima tournée mondiale, da cui uscì l’album live Look to the rainbow, registrato in Europa

Da Cassandra Wilson a George Benson fino a Lenny Kravitz. Sono tanti i messaggi di cordoglio per la morte di Al Jarreau, scomparso in ospedale a Los Angeles a 76 anni.  Nonostante solitamente la si associ al mondo del jazz, la sua voce era tanto versatile che Al Jarreau è stato l’unico artista nella storia dei Grammy a ottenere premi in tre categorie differenti: pop, jazz e rhythm & blues.

Continua qui

So Good

We're in this Love together

 

mercoledì 8 febbraio 2017

Sven Otten: chi è il ballerino dello spot Tim che ha stregato il web

Si chiama Sven Otten, ha 29 anni ed è tedesco. Ma gli utenti di YouTube lo conoscono come JustSomeMotion, il nome con cui ha battezzato il suo canale video nel 2012.

Il pubblico italiano mainstream, invece, si è accorto di lui nelle ultime settimane, grazie all'ormai celebre spot della TIM in cui il giovane ballerino si scatena per le strade di Milano sulle note della canzone 'All Night', del dj austriaco Parov Stelar, considerato un pioniere dell'electro-swing.

Lo stesso brano che, in un video amatoriale girato in casa nel 2013, aveva accompagnato le sue straordinarie movenze, stregando quasi 32 milioni di utenti e lanciandolo nel firmamento del web.

Sulla scia dell'enorme successo riscosso su internet, Otten approderà presto sul palco del teatro Ariston. Il ballerino è infatti atteso come uno dei super ospiti della 67esima edizione del Festival di Sanremo e danzerà proprio sulla musica di 'All Night', che per l'occasione sarà doppiata da una leggenda della musica italiana: Mina.

Continua qui (video)

domenica 5 febbraio 2017

Francesco De Gregori, questa non è un'intervista: "Perché ho 'dylaniato' 'Buonanotte fiorellino'"


Tutti conoscono De Gregori per le parole delle sue canzoni ma lui, che ha appena pubblicato un nuovo album live, 'Sotto il vulcano', spiega perché invece una canzone non deve mai essere uguale a se stessa."Ho fatto 'Buonanotte fiorellino' in mille modi: con il violino, senza e adesso la faccio dichiaratamente in versione Dylan"

Tra le pagine chiare e le pagine scure prendono forma immagini, frammenti di vita, pezzi di sogno, pezzi di stella, pezzi di costellazione, pezzi di sorriso, pezzi di canzone. Le parole diventano musica, la musica è parola. "Musica fanciulla esangue/ segnato di linea di sangue/ nel cerchio delle labbra sinuose/ regina de la melodia". Chiamatela poesia se vi pare, come fosse Campana, ma no perché, appunto, "c'è la melodia!", chiamatela come volete. Certo se Francesco De Gregori, per brevità chiamato artista, invece di scrivere “ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo" avesse scritto "mi sono lasciato con la mia ragazza" non staremmo parlando di lui a più di quarant'anni anni di distanza da Rimmel, non avremmo immaginato di volare via con La donna cannone, con quelle parole che vanno dritte al cuore ("e non avrò paura/ se non sarò bella come dici tu") e non avremmo in mente, scolpite, visioni dei gatti che "muoiono nel sole" e la desolazione di Cesare (Pavese) perduto nella pioggia che aspetta il suo amore, ballerina.

Continua qui (video)

De Gregori canta Dylan: "Rubo le sue parole e lo faccio con umiltà"

Francesco De Gregori, tutti gli album

La donna cannone

 

 

 

 

 

giovedì 2 febbraio 2017

The Beatles - Don't Let Me Down

Il 30 gennaio del 1969 i Beatles si esibirono in quella che può essere considerata la loro più famosa, nonchè ultima, esibizione in assoluto: il loro concerto sul tetto del palazzo della Apple al numero 3 di Savile Row a Londra.


Il “Rooftop Concert” iniziò all’ora di pranzo e questo fece in modo che in pochissimo tempo si raccogliesse un’enorme folla nella strada sottostante tanto da bloccare completamente il traffico in Saville Row: i Beatles in poco meno di 45 minuti suonarono due volte “Get Back”, “Don't Let Me Down”, “I've Got a Feeling”, “One After 909”, “Dig a Pony”, degli accenni di “Danny Boy” e “A Pretty Girl is Like a Melody”, un pezzo di “I Want You (She's so Heavy)” e di “God Save The Queen” prima di essere interrotti dalla polizia, sopraggiunta nel frattempo alla Apple.

Al termine del concerto, John Lennon dopo aver salutato e ringraziato il pubblico aggiunse: "Speriamo di aver passato l’audizione"!

Continua qui (video)

venerdì 27 gennaio 2017

Un francobollo per Tenco a 50 anni dalla morte

Roma - Mentre è incominciato il conto alla rovescia per il prossimo Festival di Sanremo , il cantautore Luigi Tenco, che si uccise proprio durante un’edizione della kermesse, sarà ricordato con un francobollo da 95 centesimi, la cui emissione è fissata per venerdì 27 gennaio, proprio in occasione del cinquantenario della morte.
Tenco si uccise il 27 gennaio 1967, appunto durante l’edizione del Festival di quell’anno, dove aveva presentato la sua ultima canzone: “Ciao amore ciao”.

Continua qui

Ciao amore, ciao - 1967 

Se stasera sono qui - 1967

 

 

AUSCHWITZ - Francesco Guccini

Il video

Nomadi - La Canzone del Bambino nel Vento

sabato 14 gennaio 2017

Bronski Beat, addio al tastierista Larry Steinbachek


È morto, all'età di 56 anni, Larry Steinbachek, storico tastierista, nonchè fondatore, dei Bronski Beat. Il decesso del musicista londinese è avvenuto il mese scorso, dopo una breve lotta contro il cancro, secondo quanto riferito alla Bbc dalla sorella del musicista. I Bronski Beat nacquero nel 1983 grazie all'iniziativa dello stesso Larry Steinbachek, che suonava le tastiere, a Steve Bronski ai sintetizzatori e al cantante Jimmy Somerville, i quali all'epoca dividevano un appartamente nel quartiere londinese di Brixton. Uno dei loro più grandi successi è stato Smalltown Boy che, anche grazie al video, segnò profondamente la Mtv Generation: non fu infatti soltanto il primo singolo dei Bronski Beat, né soltanto il primo brano del trio londinese a raggiungere contemporaneamente la vetta della top ten americana e inglese; la cosa fondamentale e decisiva per il suo successo fu che quella canzone ruotava intorno all’esperienza di giovane gay dichiarato del cantante Jimmy Somerville ed esemplificava in modo molto efficace le atmosfere che avrebbero caratterizzato la musica del gruppo, un pop elettronico che sosteneva il falsetto unico di Somerville. 

Continua qui

Bronski Beat


Smalltown  boy

Tell me why

lunedì 26 dicembre 2016

George Michael morto d'infarto. Fondò gli Wham ed è stato l'autore di "Last Christmas"


Aveva 53 anni. La polizia: "Non ci sono circostanze sospette" legate alla scomparsa dell'artista. Il manager: "E' stato ucciso da un problema cardiaco". La sua lunghissima carriera: 100 milioni di dischi in 40 anni

David Bowie, Prince, Leonard Cohen, Paul Kantner, Keith Emerson e Greg Lake, e solo un giorno fa Rick Parfitt degli Status Quo: un 2016 di lutti nel mondo della musica e dello spettacolo. E, nel giorno di Natale, anche George Michael è scomparso.  “Pacificamente”, come dicono i familiari, nella sua casa in Inghilterra. I soccorsi, arrivati nel pomeriggio nella sua abitazione, nell'Oxfordshire, non hanno potuto che constatarne la morte. La polizia precisa che "non ci sono circostanze sospette" legate al decesso dell'artista. Il suo manager, Michael Lippman, ha spiegato che  George Michael è stato stroncato da un infarto.

FOTO Tutti gli artisti scomparsi nel 2016

Michael era arrivato al successo con i Wham, diventando dei personaggi più popolari del pop degli anni Ottanta, conquistando legioni di fan adolescenti e riportando nelle canzoni, nel pieno dell’esplosione post punk, la melodia. Musica da fotoromanzo rosa, quella degli Wham che, mentre l’Inghilterra si colorava delle tinte della new wave, tra dark, elettronica e “new romantics”, scelse assieme ad Andrew Ridgley di percorrere, e con incredibile successo, un’altra strada, quella del pop leggerissimo e vacuo, da consumare in fretta e dimenticare. Salvo poi mettere a segno due brani almeno, “Careless Whisper” e “Last Christmas” che, piaccia o no sono entrati a far parte del repertorio dei classici di ogni piano bar del pianeta e vengono sistematicamente suonati ad ogni festa, quando si vogliono ricordare gli anni Ottanta, quelli dei Duran Duran e degli Spandau Ballet, che con lui condividevano il podio del pop britannico dell’epoca. Ma l’era delle canzoni rosa durò il tempo del successo dei Wham: quando il duo ebbe raggiunto il massimo del successo possibile Michael andò altrove e volò decisamente più in alto, al punto, addirittura, di potersi permettere di non cantare più i brani dei Wham in concerto, tanto per cancellare con un colpo di spugna una stagione musicale con la quale non voleva più avere nessun grado di parentela.

Continua qui

LAST CHRISTMAS

domenica 4 dicembre 2016

Coldplay - The Hardest Part


Il video

(...)
Il videoclip, diretto da Mary Wigmore e filmato il 3 marzo 2006 presso la banchina del porto di St. Petersburg (Florida), si ispira ad una puntata di un programma televisivo statunitense degli anni ottanta in onda sul network Lifetime, Attitudes Across America, i cui protagonisti sono una coppia di ballerini la cui particolarità è che la partner femminile ha ben 84 anni. I Coldplay, che suonano nello sfondo della esibizione di danza, sono stati aggiunti digitalmente al video originale. In una versione alternativa del video, il padre di Chris Martin è presente fra il pubblico.

Continua qui

I retroscena del video di 'The Hardest Part'

 

R.E.M. - Losing My Religion (Video)

 

 

Coldplay Official

Brani più popolari (Hymn For The Weekend finora con 618.781.513 visualizzazioni)


Chris. "Le nuove canzoni saranno orientate più sul suono della chitarra"