sabato 19 novembre 2016

Freddie Mercury, 25 anni fa l'ultimo applauso

Il carismatico cantante della rock band britannica dei Queen, ucciso prematuramente dall'aids

Giovedì 24 novembre cadranno i 25 anni della morte della voce dei Queen, ancora oggi una delle icone più potenti prodotte dalla cultura pop. Persino nella morte prematura Freddie Mercury ha lasciato un segno, stroncato dall'Aids quando le terapie che oggi permettono di convivere con la malattia erano ancora di là da venire. Persino un superdivo multimiliardario che aveva clamorosamente portato i codici della teatralità gay sui palchi del rock aveva vissuto la sua omosessualità come un fatto privato, così come aveva tenuto nascosta per anni la sua malattia. La morte prematura per i divi è il passaporto per il mito. 

Continua qui

The Show Must Go On

Who Wants To Live Forever

Living On My Own

 

domenica 13 novembre 2016

La canzone più positiva di sempre è dei Queen, lo dice la scienza


Qual è la canzone positiva per eccellenza? Secondo il Dottor Jacob Jolij, la canzone più positiva di sempre è dei Queen: Don’t Stop Me Now del 1978. Il neuroscienziato cognitivo dell’Università di Groningen in Olanda ha studiato l’impatto sugli ascoltatori strutturando un’equazione che mostra il grado di benessere emanato dalle canzoni degli ultimi 50 anni ed è giunto alla sua conclusione. Nonostante sia uscito 38 anni fa, il brano dei Queen ha ancora la capacità di sollevare gli umori e di riempire le piste da ballo.

La canzone o la musica preferita di una persona sono spesso frutto di una scelta soggettiva, intimamente legata con la memoria e con le emozioni; sono proprio queste associazioni a determinare se una canzone riesce a mettere di buon umore o meno. Il dottor Jolij ha scovato però alcune componenti chiave che segnalano un brano ottimista, al di là dei gusti e delle percezioni personali. I testi positivi, la chiave musicale ed il ritmo veloce a 140-150 battiti al minuto donano energia, regalano fiducia e rendono inconsciamente le persone felici ed eccitate.

Sulla base di questi elementi il ricercatore ha sviluppato una formula con la quale ha analizzato le più belle canzoni degli ultimi 50 anni. Ebbene, la hit di Freddy Mercury Don’t Stop Me Now è la canzone più positiva in quanto ha il tempo, i testi e la musica giusti per produrre una sensazione di felicità. Sul podio della classifica si piazzano Dancing Queen degli Abba e Good Vibrations dei Beach Boys. Stupisce il fatto che si tratti di canzoni datate che ravvivano i ricordi, ma che allo stesso tempo riescono ad unire le generazioni. È un’ulteriore conferma del fatto che il potere della musica non ha stagioni.

Nella Top Ten stilata dal dottor Jolij troviamo poi Uptown Girl di Billie Joel, Eye of the Tiger di Survivor, I’m a Believer dei Monkeys, Girls Just Wanna Have Fun di Cyndi Lauper, Livin ‘on a Prayer di Jon Bon Jovi, I Will Survive di Gloria Gaynor e Walking on Sunshine di Katrina & The Waves. Let Me Entertain You di Robbie Williams è la canzone più positiva degli anni ’90, mentre Dancing in the Moonlight di Toploader lo è per quanto concerne gli anni 2000-2009.

Continua qui
 

Don't Stop Me Now

 

 

 

 

venerdì 11 novembre 2016

Addio a Leonard Cohen, maestro della poesia in musica

L'artista canadese aveva 82 anni. Cantautore, letterato, intellettuale nei suoi lavori ha esplorato ogni aspetto della vita

L'ANNUS horribilis della musica si è portato via un altro massimo cantore della cultura popolare. Dopo David Bowie, dopo Prince, se n'è andato a 82 anni Mister "Hallelujah", il canadese Leonard Cohen, cantautore, poeta, romanziere, uno degli artisti più influenti del nostro tempo. Dall'amore fino alla politica, dal sesso alla religione, nelle sue canzoni e nei suoi racconti Cohen ha esplorato ogni aspetto della vita, con una sensibilità letteraria pari se non superiore a quella del premio Nobel Bob Dylan. Una prima parte della vita Cohen l'ha vissuta nel segno degli eccessi, mentre la seconda è stata caratterizzata da una ricerca spirituale che lo ha portato a isolarsi per quasi 15 anni, trascorsi per gran parte in un tempio buddista sul Mount Baldy in California, un'assenza terminata solo con il ritorno sulle scene nel 2008, salutato da un successo che è continuato inarrestabile e ha portato Cohen in giro per il mondo in teatri puntualmente stracolmi di pubblico adorante.

Continua qui 

Hallelujah

Dance Me to the End of Love

In My Secret Life

 

 

 

 

giovedì 10 novembre 2016

Bruce Springsteen - Born in the U.S.A.

Video dal vivo


“Born down in a dead man’s town
the first kick I took
was when I hit the ground
you end up like a dog
that’s been beat too much
till you spend half your life
just covering up, now

Born in the U.S.A, I was
born in the U.S.A, I was
born in the U.S.A
born in the U.S.A, now
Got in a little hometown jam
so they put a rifle in my hands
sent me off to a foreign land
to go and kill the yellow man
Born in the U.S.A
born in the U.S.A
born in the U.S.A
born in the U.S.A
Come back home to the refinery
hiring man said - Son if it was up to me -
went down to see my V.A. man
he said - Son don’t you understand now -.
Born in the U.S.A
born in the U.S.A
born in the U.S.A
born in the U.S.A
I had a brother at Khe Sahn
fighting off the Viet cong
they’re still there, he’s all gone
he had a woman he loved in Saigon
I got a picture of him in her arms
Down in the shadow of the penitentiary
out by the gas fires of the refinery
I’m ten years burning down the road
nowhere to run ain’t, got nowhere to go
Born in the U.S.A, I was
born in the U.S.A, now
born in the U.S.A
I’m a long gone daddy in the U.S.A, now
Born in the U.S.A
Born in the U.S.A
Born in the U.S.A,
I’m a cool rockin’ daddy in the U.S.A., now”.
 
—————————————————-
Traduzione.

“Nato giù in una città di morti
il primo calcio che ho preso
è stato quando ho toccato terra
finisci come un cane
che è stato pestato troppo a lungo
fino a quando passi
metà della tua vita a nasconderti
Nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A
nato negli U.S.A.
Una volta mi sono messo
in un piccolo guaio dalle mie parti
e così mi hanno messo un fucile in mano
e spedito in Vietnam
ad uccidere l’uomo giallo
Nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
Tornato a casa nella raffineria
il capo mi dice - figliolo se toccasse a me -
sono andato per incontrare un signore del V.A. (*)
e mi disse - figliolo tu non capisci -
Nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
Avevo un amico a Khe Sahn
combatteva i Viet Cong
loro sono ancora là, lui non c’è più
aveva una ragazza a Saigon
ho una foto di lui tra le sue braccia
Giù all’ombra del penitenziario
fuori tra i fuochi di gas della raffineria
sono da dieci anni per la strada
nessun posto dove correre
non ho nessun posto dove andare
Sono un papà collaudato negli U.S.A.
nato negli U.S.A.
sono un papà che roccheggia negli U.S.A.
nato negli U.S.A.”.
—————————————————-
Note.
(*) (Associazione dei Veterani)

Fonte 

 

lunedì 7 novembre 2016

Amy Winehouse - Love Is A Losing Game




Video

L'amore è un gioco in cui si perde
 
Per te ero una fiamma
l'amore è un gioco in cui si perde
cinque storie, fuoco appena sei arrivato
l'amore è un gioco in cui si perde

perchè vorrei non aver mai giocato?
che casino abbiamo combinato
e adesso la montatura finale è che
l'amore è un gioco in cui si perde

sviluppato dal gruppo
l'amore è una mano perdente
più di quello che potevo sopportare
l'amore è una mano perdente

dichiarato da se, profondo
fino a che cadono i frammenti
so che sei un uomo che ama il gioco d'azzardo
ma l'amore è una mano perdente

sebbene io sia piuttosto cieca
l'amore è un destino rassegnato
i ricordi rovinano la mia mente
l'amore è un destino rassegnato

tutte le nostre questioni futili
e presi in giro dalle divinità
e adesso la montatura finale è che
l'amore è un gioco in cui si perde

giovedì 20 ottobre 2016

Phil Collins torna sui palchi europei con il tour "Not Dead Yet: Live"

Dopo 10 anni di assenza dalle scene, Phil Collins torna sui palchi europei, a 65 anni, per un nuovo tour.


Collins, che nel 2011 aveva annunciato il suo stop con la musica, aprirà il suo tour alla Royal Albert Hall di Londra a giugno. Poi sarà a Colonia e Parigi per quello che ha chiamato il “Not Dead Yet:Live”.
L’artista britannico aveva confessato che dopo essersi ritirato aveva cominciato a bere troppo danneggiando la sua salute. Ma ora è tornato in forma.
Collins spiega che a spingerlo a riconsiderare l’idea di tornare a fare concerti è stata la gente: “Negli ultimi due anni la gente continuava a dirmi che gli mancavo. “Nessuno fa qwuello che fai tu. Sarebbe bello se tornassi a fare qualche concerto”. Queste parole hanno cominciato a lavorarmi dentro e mi sono detto:” Perchè non lo faccio? Per principio? Perchè avevo detto che mi ero ritirato? Ok, ho cambiato idea”.

Continua qui

Another Day In Paradise

Against All Odds

One More Night

In the air tonight

Land of confusion 

giovedì 13 ottobre 2016

Bob Dylan premio Nobel Le sue canzoni sono letteratura

Con il massimo riconoscimento al «bardo di Duluth» finisce, per come era stato fatto finora, il dibattito se sia lecito considerare le canzoni qualcosa di anche letterario

Cultura popolare e cultura alta, folk e rock, acustica ed elettronica, canzoni e poesia non hanno più i confini del passato. O meglio tornano a non avere più confini. Bob Dylan ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2016 grazie a una produzione sconfinata di canzoni dai testi ad alto tasso di letterarietà e una capacità - questa la motivazione dell’Accademia - di «creare nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione della canzone americana». Sentiremo la sua voce gracchiare e la sua armonica suonare alla cerimonia di premiazione a Stoccolma? Forse no. Sarebbe bellissimo e strano, come questo premio, il primo dato a un artista da molti considerato essenzialmente un musicista. E non un poeta, se non dai suoi fan. Che si dividono in varie categorie: dylaniati, quelli più sentimentali, dylanologhi, quelli più razionali, dylanisti, quelli più ideologici. Tutti estasiati dal film I’m not there di Todd Haynes che ha omaggiato le sfuggenti anime del menestrello d’America, con star del cinema e un lavoro di sceneggiatura di Haynes e Oren Moverman ispirato alle canzoni.

Continua qui

A Bob Dylan il premio Nobel per la letteratura: "Ha creato una nuova espressione poetica"

 

Blowin in The Wind

Mr Tambourine Man

Hurricane Lyrics

Knockin' on Heaven's Door 

 

Tutti i testi delle sue canzoni 

 

 

 

 

sabato 23 luglio 2016

Cinque anni senza Amy Winehouse, ma la sua voce scalda ancora il cuore

Alle 15:53 del 23 luglio 2011 la cantante Amy Winehouse è stata trovata morta nel letto della sua casa al numero 30 di Camden Square a Londra. Sebbene fossero note le sue battaglie combattute contro l’abuso di alcol e di sostanze stupefacenti, né l’autopsia e né le indagini successive hanno mai chiarito le cause del decesso avvenuto all’età di 27 anni, anche lei vittima della cosiddetta «maledizione del 27». Ecco i suoi successi, dal singolo di debutto del 2003 Stronger Than Me al brano pubblicato postumo nel 2011 Our Day Will Come.

Fonte

martedì 14 giugno 2016

I quarant’anni di “Via Paolo Fabbri 43”, il capolavoro di Francesco Guccini

La discografia di Francesco Guccini è ricca di album di notevole spessore, ma quello uscito nella tarda primavera del 1976 è in genere considerato il più rilevante. Proviamo a capire perché.

La data stampata sulla matrice del 33 giri marchiato EMI, numero di catalogo 3C 064 18188, recita “26 maggio”, e di norma le matrici non mentono. Del resto, proprio in questi giorni del 1976 “Via Paolo Fabbri 43” iniziava a scalare le classifiche nazionali con un’ascesa che si sarebbe arrestata al terzo gradino e, dunque, possiamo dirlo senza timore di smentita: il settimo lavoro di Francesco Guccini ha appena compiuto quarant’anni. Ed è uno splendido quarantenne, per citare Nanni Moretti, con buona pace di quanti reputano il cantautore emiliano – ritiratosi dalle scene musicali a fine 2012, con “L’ultima Thule” – superato, anacronistico, svincolato dalla realtà odierna. La vera Arte rimane però tale a prescindere dalle contingenze temporali e quella del “Burattinaio di parole”, come lui stesso si è definito, appartiene alla categoria e non sarà mai cancellata dalla storia maggiore della canzone italiana; al di là delle critiche più o meno pertinenti che sono state mosse alla sua voce di sicuro particolare o alla relativa staticità delle trame musicali, quella di Guccini è una figura che non ha reali termini di paragone, e i suoi testi – profondi sul piano sostanziale e ricercatissimi su quello formale, ma di una ricercatezza fra il colto e il popolare e qua e là persino ruvida – sono un inesauribile serbatoio di gioie… ebbene, sì: letterarie.

Continua qui

Via Paolo Fabbri 43 (Audio)

venerdì 3 giugno 2016

35 anni fa ci lasciava Rino Gaetano: ecco un medley dei suoi successi

Un incidente stradale lo portò via a soli trent’anni il 2 giugno 1981 sulla via Nomentana, a Roma. Ci lasciò troppo presto Rino Gaetano. Fu poco capito tra gli Anni 70 e 80 e solo dopo la morte le sue canzoni trovarono il successo meritato. Oggi, a trentacinque anni da quell’incidente, rendiamo omaggio all’artista di origini calabresi e dalla voce ruvida con un medley dei suoi più grandi successi: da Mio fratello è figlio unico del 1976 fino a A mano a mano del 1981. Un viaggio nella memoria e nella buona musica di quegli anni.

Video

martedì 24 maggio 2016

mercoledì 18 maggio 2016

Coldplay, il nuovo videoclip è un vero capolavoro

“Up&Up”, nuovo singolo dei Coldplay, è un capolavoro di effetti speciali diretto da Vania Heymann e Gal Muggia. Si tratta del terzo singolo estratto da “A Head Full of Dreams”, settimo album in studio dei Coldplay

Il video

sabato 30 aprile 2016

Max Gazzè, “Ti sembra normale”: ecco il nuovo singolo e il videoclip


Il nuovo singolo di Max Gazzè si intitola “Ti sembra normale”, terzo singolo tratto dall’album già Disco d’Oro “Maximilian”, dopo le hit “La vita com'è” e “Mille volte ancora”. È un brano orecchiabilissimo, nel perfetto stile dei fratelli Gazzè: il pezzo è stato firmato infatti da Max e Francesco Gazzè, insieme al co-autore Francesco De Benedittis; il testo racconta in modo divertito di un corteggiamento e di un “amore” particolari. La canzone sarà in onda su Radio Italia da domani, venerdì 29 aprile, e il videoclip è già disponibile online.

Continua qui (video)