Passa ai contenuti principali

Pink Floyd, mezzo secolo contro i muri

(ANSA) - LONDRA, 9 MAR - La loro lotta contro il conformismo e tutti i tipi di muri iniziava 50 anni fa, il 10 marzo 1967, con l'uscita di 'Arnold Layne', il primo singolo. I Pink Floyd irrompevano tramite la radio nelle case della benpensante Gran Bretagna con la storia (per di più vera) di un travestito che si aggirava per le vie di Cambridge rubando indumenti femminili. Era solo l'inizio per la band diventata leggenda del rock. Londra e il resto del mondo non potevano che celebrare con una serie di eventi, a partire da una grande mostra, questa epopea in musica fatta di ribellione e simboleggiata dall'album 'The Wall'. "The Wall è più che mai attuale - ha detto Roger Waters in un'intervista al Guardian - e proprio Trump rappresenta tutto quello che noi dobbiamo evitare". A maggio aprirà al V&A di Londra la 'Pink Floyd Exhibition': 350 cimeli, fra cui strumenti musicali, testi di canzoni, foto, opere d'arte, il tutto immerso nei suoni e nelle atmosfere dei tanti album che hanno reso celebre il gruppo inglese.

Fonte 

Pink Floyd: le grafiche originali di "The Wall" sono state messe in vendita

 

Pink Floyd - Another Brick In The Wall (HQ)

 

Pink Floyd - Dark Side Of The Moon

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Lo Stato Sociale - “Una vita in vacanza” - Sanremo 2018

Seconda classificata...

TUTTI I VIDEO E LE PUNTATE DI SANREMO 2018 SU RAIPLAY http://www.raiplay.it/programmi/festi... - Festival di Sanremo 2018 - Lo Stato Sociale canta “Una vita in vacanza” di Lodovico Guenzi, Alberto Cazzola, Francesco Draicchio, Matteo Romagnoli, Alberto Guidetti, Enrico Roberto

Una delle piacevoli sorprese del Festival di Sanremo 2018 è stata quella di vedere Lo Stato Sociale saltare e fare il loro classico e spontaneo show sul palco dell’Ariston.

Continua qui (testo e video)


Confermato il nuovo album de Lo Stato SocialeDon Roberto, il prete-dj che fa la parodia dello Stato Sociale: “Una vita in vacanza” diventa “Una vita in preghiera”

Franco Battiato: Cuccurucucù

Chitarre e tanta voglia di cantare, Milano celebra De André in piazza Duomo

Si sono ritrovati in centinaia, incuranti del freddo, con chitarre, tanta voglia di cantare e i telefonini a riprendere la scena, come in ogni concerto che si rispetti: in piazza Duomo si è rinnovata anche quest’anno la tradizione della “Cantata anarchica per Fabrizio De André”, organizzata come sempre con un tam tam sui social network in occasione dell’anniversario della morte del cantautore genovese. Il video postato su Facebook da Davide Lentini documenta uno dei momenti più suggestivi della serata, quello in cui la piazza ha intonato “Il pescatore”

Video 

Il pescatore