Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2017

Al Jarreau morto a 76 anni: i messaggi di cordoglio da Cassandra Wilson a Lenny Kravitz

E' stato l’unico artista nella storia dei Grammy a ottenere premi in tre categorie differenti: pop, jazz e rhythm & blues. Momento di svolta fu il 1977, quando intraprese la sua prima tournée mondiale, da cui uscì l’album live Look to the rainbow, registrato in Europa

Da Cassandra Wilson a George Benson fino a Lenny Kravitz. Sono tanti i messaggi di cordoglio per la morte di Al Jarreau, scomparso in ospedale a Los Angeles a 76 anni.  Nonostante solitamente la si associ al mondo del jazz, la sua voce era tanto versatile che Al Jarreau è stato l’unico artista nella storia dei Grammy a ottenere premi in tre categorie differenti: pop, jazz e rhythm & blues.

Continua qui

So GoodWe're in this Love together

Sven Otten: chi è il ballerino dello spot Tim che ha stregato il web

Si chiama Sven Otten, ha 29 anni ed è tedesco. Ma gli utenti di YouTube lo conoscono come JustSomeMotion, il nome con cui ha battezzato il suo canale video nel 2012.

Il pubblico italiano mainstream, invece, si è accorto di lui nelle ultime settimane, grazie all'ormai celebre spot della TIM in cui il giovane ballerino si scatena per le strade di Milano sulle note della canzone 'All Night', del dj austriaco Parov Stelar, considerato un pioniere dell'electro-swing.

Lo stesso brano che, in un video amatoriale girato in casa nel 2013, aveva accompagnato le sue straordinarie movenze, stregando quasi 32 milioni di utenti e lanciandolo nel firmamento del web.

Sulla scia dell'enorme successo riscosso su internet, Otten approderà presto sul palco del teatro Ariston. Il ballerino è infatti atteso come uno dei super ospiti della 67esima edizione del Festival di Sanremo e danzerà proprio sulla musica di 'All Night', che per l'occasione sarà doppiata da una legge…

Francesco De Gregori, questa non è un'intervista: "Perché ho 'dylaniato' 'Buonanotte fiorellino'"

Tutti conoscono De Gregori per le parole delle sue canzoni ma lui, che ha appena pubblicato un nuovo album live, 'Sotto il vulcano', spiega perché invece una canzone non deve mai essere uguale a se stessa."Ho fatto 'Buonanotte fiorellino' in mille modi: con il violino, senza e adesso la faccio dichiaratamente in versione Dylan"

Tra le pagine chiare e le pagine scure prendono forma immagini, frammenti di vita, pezzi di sogno, pezzi di stella, pezzi di costellazione, pezzi di sorriso, pezzi di canzone. Le parole diventano musica, la musica è parola. "Musica fanciulla esangue/ segnato di linea di sangue/ nel cerchio delle labbra sinuose/ regina de la melodia". Chiamatela poesia se vi pare, come fosse Campana, ma no perché, appunto, "c'è la melodia!", chiamatela come volete. Certo se Francesco De Gregori, per brevità chiamato artista, invece di scrivere “ora le tue labbra puoi spedirle a un indirizzo nuovo" avesse scritto …

The Beatles - Don't Let Me Down

Il 30 gennaio del 1969 i Beatles si esibirono in quella che può essere considerata la loro più famosa, nonchè ultima, esibizione in assoluto: il loro concerto sul tetto del palazzo della Apple al numero 3 di Savile Row a Londra.


Il “Rooftop Concert” iniziò all’ora di pranzo e questo fece in modo che in pochissimo tempo si raccogliesse un’enorme folla nella strada sottostante tanto da bloccare completamente il traffico in Saville Row: i Beatles in poco meno di 45 minuti suonarono due volte “Get Back”, “Don't Let Me Down”, “I've Got a Feeling”, “One After 909”, “Dig a Pony”, degli accenni di “Danny Boy” e “A Pretty Girl is Like a Melody”, un pezzo di “I Want You (She's so Heavy)” e di “God Save The Queen” prima di essere interrotti dalla polizia, sopraggiunta nel frattempo alla Apple.

Al termine del concerto, John Lennon dopo aver salutato e ringraziato il pubblico aggiunse: "Speriamo di aver passato l’audizione"!

Continua qui (video)